CHIRURGIA DELLA CALVIZIE
CHIRURGIA DELLA MANO
CHIRURGIA ESTETICA
Un modo corretto di accostarsi alla chirurgia Estetica
LA RINOPLASTICA: concetti generali
LA RINOPLASTICA: l'intervento
LIPOSUZIONE: concetti generali
LIPOSUZIONE: l'intervento
PROTESI MAMMARIE: quando sopra e quando sotto il muscolo?
LE RUGHE DEL VISO: i Fillers e la dermoabrasione
LA RINOPLASTICA:Complicanze della rinoplastica: il naso "in sella"
OTOPLASTICA: Concetti generali
OTOPLASTICA: l'intervento
IL THERMAGE: una valida arma nel trattamento del rilassamento cutaneo
INTRALIPOTERAPIA
CURRICULUM PROFESSIONALE
FILMATI PERSONALI IPNOSI DA YOUTUBE
I MIEI RECAPITI
I NOSTRI CONSULENTI
IPNOSI
MICROCHIRURGIA
TEMA DEL GIORNO
TRATTAMENTI LASER
TRATTAMENTO DEI TUMORI CUTANEI
ULCERE DA DECUBITO E VASCOLARI


Sito realizzato da: MRWebEng

INTRALIPOTERAPIA

INTRALIPOTERAPIA: UNA NUOVA FRONTIERA PER GLI ACCUMULI DI GRASSO LOCALIZZATI

Da poco tempo ha ottenuto l’autorizzazione ministeriale un nuovo farmaco per la cosiddetta intralipoterapia.
Questa metodica consiste nella iniezione profonda nel grasso localizzato, con l’intento di sciogliere l’involucro esterno dell’adipocita (cellula di grasso).
La metodica non è nuova. Finora era stata adoperata la Fosfatidilcolina. Questo vuol dire che il paziente non dovrà fare da cavia ad una nuova metodica, di cui non si conoscono bene gli effetti, sia positivi che negativi.
Al contrario la metodica non presenta complicazioni degne di nota, se si eccettui un rossore sull’area trattata che si protrae per alcuni giorni dopio il trattamento. La reazione infiammatoria è infatti parte indispensabile del trattamento; la sua mancata risposta porta quasi sempre ad un inadeguato effetto.
L’uso dell’Aqualix (è questo il nome del farmaco usato) rispetto alla Fosfatidilcolina ha infatti effetti sovrapponibili, ma, a differenza della Fosfatidilcolina, è autorizzato il suo uso come intralipoterapia.
Pur non avendo restrizione quanto alle dosi da iniettare, normalmente si usa una fiala ogni 10x10 cm e se ne fanno abitualmente 2-3 per seduta.
Le sedute sono distanziate di 2 settimane circa l’una dall’altra e sono in numero variabile di 3-5.
L’unica vera controindicazione all’intralipoterapia è il diabete mellito insulinodipendente e le cosiddette coagulopatie, tipo l’emofilia o le terapie anticoagulanti.



Ultimo aggionamento il: 11/10/2018

Visitate anche www.ConcordiaHospital.it



Pittura Moderna e arte contemporanea Pittura Moderna Arte Contemporanea Murano glass vetri di murano Autonoleggio Autista Chirurgia Plastica Ristrutturazione Edilizia Roma Hotel Roma