CHIRURGIA DELLA CALVIZIE
CHIRURGIA DELLA MANO
CHIRURGIA ESTETICA
CURRICULUM PROFESSIONALE
I MIEI RECAPITI
I NOSTRI CONSULENTI
IPNOSI
MICROCHIRURGIA
TEMA DEL GIORNO
TRATTAMENTI LASER
Le Smagliature
TRATTAMENTO DEI TUMORI CUTANEI
ULCERE DA DECUBITO E VASCOLARI


Sito realizzato da: MRWebEng

Le Smagliature

Le smagliature sono lesioni delle fibre elastiche della pelle, che, a causa di esagerata trazione, si rompono e causano la lesione corrispondente. In altre parole, le fibre elastiche si comportano come i “fili” di un collant, che, rompendosi, causano la caratteristica “calza sfilata”. Altrettanto avviene per la cute.
Le cause sono molteplici, ma fondamentalmente il tutto può essere ricondotto alla tensione sulla cute; questo può avvenire per aumento di peso “veloce”, ritenzione idrica causata da sostanze farmacologiche, quali ad esempio il cortisone, o lo stato di gravidanza. La prevenzione è la migliore terapia a nostra disposizione, in quanto le lesione delle fibre elastiche non è riparabile e la lesione che ne esita è definitiva.
Specie in gravidanza, la prevenzione deve iniziare da subito, e non ridursi agli ultimi mesi, in quanto la reazione della pelle e il conseguente aumento della sua elasticità non è così immediato. Iniziando il trattamento ad esempio dal 5° mese, la cute non riesce ad essere in grado di sopportare la trazione elastica verso il periodo pre-parto, per cui possono insorgere le smagliature, anche in tempi brevissimi.
Nel caso in cui le smagliature si formino esistono trattamenti precoci, ovverosia quando le smagliature sono ancore rosse, e trattamenti tardivi, quando queste si sono schiarite e divenute ormai stabili.
Tengo a precisare che qualsiasi trattamento non è in grado di ricostruire le fibre elastiche “rotte”, ma di rendere le smagliature meno evidenti e più ristrette.
IN FASE PRECOCE Abbiamo una discreta soluzione con applicazioni di laser cosiddetti “vascolari”, che hanno la capacità non solo di trattare il tessuto vero e proprio, ma anche di “governare” il rossore e ridurlo, a volte, anche in modo drastico.
Tali applicazioni sono eseguite indicativamente ogni 3-4 settimane per un numero di volte che si aggira intorno alle 3-4 applicazioni. Il periodo da evitare è usualmente quello estivo, dipendendo ovviamente dalla esposizione ai raggi solari.
Il motivo per cui il tempo di attesa tra un trattamento e l’altro è così distanziato è dettato, a nostro giudizio, dal fatto che l’effetto massimo di ogni singolo trattamento si ha dopo circa 20 giorni, ed è quindi più facilmente valutabile la necessità di adottare intensità maggiori o minori a seconda della risposta individuale e limitare al minimo il numero di applicazioni necessarie.
IN FASE TARDIVA Quando le smagliature sono divenute stabili ( e cioè bianche), poco si può agire sul tessuto vero e proprio. Quello che possiamo ottenere è invece il restringimento della larghezza delle smagliature stesse e una “levigazione” del tessuto circostante, con l’intenzione di renderle più omogenee con il resto della cute tutto intorno.
Per ottenere questo eseguiamo applicazioni di laser erbium. E’ questo un cosiddetto “laser ablativo”, che ha quindi la funzione di togliere lo strato più superficiale della cute trattata. Questo laser trova grande indicazione anche nel trattamento delle rughe più superficiali delle labbra, in modo stabile e definitivo.
I tempi di guarigione sono più lunghi di quelli del laser vascolare, necessitando di circa 7-15 giorni perché le crosticine che si formano sulle smagliature cadano. Per valutare il risultato di ogni singola applicazione bisogna attendere almeno 4 settimane



Ultimo aggionamento il: 14/07/2015

Visitate anche www.ConcordiaHospital.it



Pittura Moderna e arte contemporanea Pittura Moderna Arte Contemporanea Murano glass vetri di murano Autonoleggio Autista Chirurgia Plastica Ristrutturazione Edilizia Roma Hotel Roma